Richiamo vaccino in ritardo; cosa comporta e cosa succede?

Vaccinare il proprio cane, si sa, può essere importante al fine di non fargli contrarre malattie che potrebbero comportare difficoltà per la qualità della vita dell’animale e che in certi casi possono essere persino letali e il richiamo del vaccino in ritardo può risultare pericoloso.

In realtà bisogna sottolineare che non vi sono al momento, in Italia, vaccini che siano per legge obbligatori per i cani e per gli animali domestici in generale, bensì vi è una distinzione tra vaccini definiti essenziali e altri che invece sono non essenziali.

Tuttavia, è bene precisare che entrambi i tipi di vaccino sono fortemente consigliati in quanto questi possono evitare che il cane abbia problemi di salute che possono essere in certi casi molto gravi e persino contagiosi per l’essere umano.

Inoltre, la vaccinazione permette anche di evitare che si diffondano queste malattie: infatti, quando il cane viene a contatto con gli ambienti esterni, gli spazi pubblici e i luoghi in cui si trovano altri animali, è possibile che questo venga in contatto con batteri spesso presenti anche negli escrementi di animali infetti.

È opportuno, dunque, al fine di spiegare anche le diverse opzioni che si presentano nel caso in cui si ritardi nella vaccinazione, i diversi tipi di vaccini e le malattie contro le quali forniscono anticorpi.

Quali sono i diversi tipi di vaccino?

Richiamo vaccino cane in ritardo

Tra i vaccini che vengono considerati essenziali vi sono quello contro il cimurro, quello contro l’Adenovirus canino di tipo 1, causato da epatite infettiva, e quello contro il Parvovirus canino di tipo 2, che causa la parvovirosi o gastroenterite canina e si distingue dal Parvovirus di tipo 1 che invece non è rilevante a livello patologico.

I vaccini che invece non sono definiti essenziali, e che tuttavia sono comunque consigliati perché si evitino sintomi fastidiosi di quelle che sono pur sempre malattie, sono quelli contro la parainfluenza canina e la Bordetella Bronchiseptica, che causano problemi principalmente alle vie respiratorie, e quelli contro la borreliosi e la leptospirosi.

Quando si porta il cane dal veterinario per la vaccinazione, c’è la possibilità di effettuare soltanto la vaccinazione trivalente, ovvero quei vaccini del primo tipo elencati sopra, o eptavalente per effettuarli tutti indistintamente, quando non si scelga di effettuarne solo uno o alcuni tra i non essenziali insieme con quello trivalente per i vaccini essenziali.

La differenza fondamentale, per ciò che concerne il richiamo dei diversi vaccini, sta nel fatto che quelli del primo tipo, ovvero quelli ‘essenziali’, necessitano di un richiamo che deve essere effettuato ogni tre anni, al fine di mantenere il sistema immunitario preparato contro questi virus e batteri, mentre quelli del secondo tipo, ovvero quelli ‘non essenziali’, richiedono invece richiami più frequenti che possono variare dai sei mesi a un anno, a discrezione del padrone e su consiglio ovviamente del veterinario.

Cosa succede se faccio il vaccino in ritardo?

Richiamo vaccino cane in ritardoLa differenza nella frequenza del richiamo non risiede nelle proprietà intrinseche del tipo di virus o di batterio che genera la malattia ma nel tipo stesso di vaccinazione, che in questo caso è effettuata con l’iniezione nel sistema immunitario del cane di batteri e organismi viventi che generano un’immunità più prolungata.

Nel secondo caso, invece, come ad esempio nel vaccino contro la leptospirosi, viene immesso semplicemente il batterio morto che, per questo, non genera lo stesso effetto prolungato nel sistema immunitario del cane.

Di conseguenza, quando si è in ritardo nel richiamo della vaccinazione del nostro amico a quattro zampe non bisogna allarmarsi e bisogna tenere in considerazione questa distinzione.

Se ci si accorge che si è in ritardo, ad esempio, di uno o due anni per il richiamo di un vaccino del proprio cane, ma poi controllando ci si rende conto che si tratta di uno o di più dei vaccini ‘non essenziali’, allora si può stare relativamente più tranquilli perché il cane non sarà totalmente scoperto contro quelle che sono le malattie più gravi.

Si può dunque correre ai ripari rivolgendosi al proprio veterinario di fiducia, che potrà spiegare quale strada seguire per far sì che il sistema immunitario del cane sia di nuovo protetto dai virus sopra elencati.

Nel caso del vaccino trivalente, invece, sarà opportuno rispettare il richiamo e la sua scadenza di tre anni perché il cane non contragga il cimurro, l’adenovirus o la parvovirosi.

Commenti

8 commenti

  1. Sikvia

    Salve, ho un cucciolo di cane che ha fatto il secondo vaccino trivalente a distanza di 31 giorni invece che tra i 21 e 28 giorni dal primo, mi consigliate di rifarglielo fra 3 settimane o dovrebbe essere comunque coperto?

    Rispondi
  2. Petliving

    Ciao Silvia, fermo restando che è meglio che consulti il tuo Medico Veterinario che sta seguendo il piano vaccinale del cucciolo, non dovrebbero esserci grandi differenze se hai fatto il secondo vaccino in ritardo di pochi giorni 🙂

    Rispondi
    • Loredana Ganino

      Salve, il pentavalente si fa ad un cagnolino di 8 mesi? Va fatto sempre richiamo a distanza di 21 giorni.

      Rispondi
  3. Stefania Bonfiglio

    Buongiorno è vero ke se nn faccio il secondo vaccino alla mia cucciola x tempo, bisogna rifare tutto da capo?

    Rispondi
  4. Maria Luisa placenza

    Salve i miei cuccioloni l’anno scorso hanno ricevuto le prime due dosi del vaccino pentavalente rispettivamente ad aprile e a maggio. Lo scorso maggio avrei dovuto fare il richiamo annuale, ma purtroppo l’ho dimenticato e sono già un mese in ritardo. Sono ancora in tempo per farlo e se si, devo riprocedere alla sverminazione prima? Grazie mille

    Rispondi
  5. Rasa Michela

    Fatto vaccino chihuhua di 8 anni alle 14.30 ora è sonnolento e tremolante ma nn si lamenta è normale?

    Rispondi
    • Petliving

      Buongiorno Michela, non è assolutamente normale una reazione del genere, chiama il tuo medico veterinario per una visita di controllo per scongiurare reazioni avverse

      Rispondi
  6. Stefani

    Salve ho un cane di 2anni ma ha solo il primo vaccino fatto quando aveva 2mesi come mi posso comportare?

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non perdere le nostre news sul mondo del pet, iscriviti alla newsletter!