Cane a pelo riccio: le razze curly tenere e coccolose e le loro caratteristiche

Categoria: Razze

Adottare un cane è sempre bello, ma se il nostro cucciolo è anche carino come un batuffolo di cotone o un pompon, allora l’estasi del momento coccole sale alle stelle. Non ci si può non innamorare di un cane a pelo riccio o frisé, sia esso piccolo o grande.

Noi abbiamo voluto cercare tutte le razze più carine, ed alcune di queste sono coperte da un pelo davvero bizzarro.

Il cane a pelo riccio è caratterizzato da un pelo medio-lungo ondulato e spesso che, al contrario di quello liscio, non cade mai, perché non fa la muta: continua a crescere e l’unico modo per non trovarci in casa, a un certo punto, dei piccoli cugini it è tosarli periodicamente. Inoltre, vanno pettinati e spazzolati con cura e di frequente, affinché non si formino fastidiosissimi nodi che ne rovinerebbero presto il carinissimo aspetto. In pratica, chi bello vuole il suo cane molto deve lavorare; non diceva così il detto?

Nonostante queste incombenze, i cani ricciuti sono una vera delizia per gli occhi e, spesso, a questa categoria di cuccioli appartengono le razze più ricercate e apprezzate. Fanno molta tenerezza questi piccoli (a volte, non tanto piccoli) animaletti paffuti e pelosi. Accarezzare il loro manto, nel momento delle coccole, è una vera delizia per i sensi.

Tra i cani a pelo riccio, oltre a quelli semplicemente teneri e coccolosi, esistono però anche animali dal pelo davvero bizzarro, che rende la loro fisicità apparentemente buffa, o addirittura sorprendente. Alcuni sono talmente strani che assomigliano ad altri animali oppure ricordano molto vagamente personaggi famosi (umani, ovviamente).

Andiamo allora a vedere nel dettaglio quali sono le razze curly più carine e ricercate.

Cane a pelo riccio: elenco delle razze

Cane a pelo riccio: le razze curly tenere e coccolose e le loro caratteristiche

Airedale Terrier

Questa razza è il prodotto dell’incrocio tra due antiche razze di cane inglesi, ormai estinte. I pescatori e i cacciatori utilizzavano questo cane per la caccia (alle lontre, come al lupo o all’orso). La sua origine è, quindi, britannica e piuttosto recente. Fu anche uno dei primi animali ad entrare a tutti gli effetti tra le file dell’esercito e il suo ruolo in guerra era principalmente quello di porta-lettere e di ricercatore. Un airedale terrier di nome Jack fu persino decorato per il suo coraggio e il suo valore, dimostrati durante la guerra.

Barboncino

Il cane a pelo riccio per antonomasia, il cane barbone (anche detto “barboncino”) è originario della Francia. Il suo vero nome, in lingua francese, ossia “caniche” potrebbe derivare dal termine straniero per “anatra”. Questa razza veniva, infatti, impiegata nella caccia alle anatre e, più in generale, nel riporto in acqua: i barboncini amano nuotare. Inoltre, sono cani molto atletici, con una storia sorprendente nel Circo e nelle vicende belliche: è lunga la lista dei cani barbone conosciuti per le loro imprese eroiche e ricordati per le loro gesta.

Bedlington Terrier

Questo è il cane meno cane che esista, almeno per quanto riguarda l’aspetto. Se lo incontraste per caso da qualche parte nelle campagne, lo scambiereste per una pecora. Sì, avete capito bene: il bedlington è una “pecora canina”, cioè un cane coperto di un pelo ricciuto del tutto simile ai boccoli di lana che costituiscono il caldo manto ovino. Davvero molto bislacco.

Bichon a poil frisé

Questa tipologia di cani è chiamata anche “bichon tenerife” (ossia, barbone tenero): il suo aspetto è talmente coccoloso e la sua peluria così soffice che, secoli fa, veniva usato come valuta dai marinai europei. Con il tempo si diffuse la moda di possederne uno, soprattutto nelle corti francese e spagnola. Era il cane preferito dall’aristocrazia e dagli artisti del secolo rinascimentale. Da questa razza derivano molte altre, come il Bolognese e il Maltese.

Coton de Tulear

Un cuginetto davvero singolare del Bolognese, anch’esso della famiglia dei “bichon”, il coton è un vero e proprio batuffolo di cotone bianco. Il suo pelo è talmente fitto e folto che rischia, se non ben curato, l’infeltrimento. Va quindi spazzolato accuratamente ogni giorno. La sua origine è da ricercare addirittura in Madagascar e la sua passione più grande è cacciare piccoli roditori.

Pumi

Slash versione canina. Non ci sono altre parole per descriverlo: lo guardi e vedi il chitarrista dei Guns ‘n’ Roses con la cosa e la lingua di fuori.

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non perdere le nostre news sul mondo del pet, iscriviti alla newsletter!